News & Blog

Greening the Islands and Lipari establish path to unlock sustainable projects, call on authorities to simplify authorization procedures

News & Blog

Italian Ecological Transition Ministry and Energy Authority participate in GTI Observatory meeting

(Versione italiana disponibile alla fine di questo articolo)

The GTI Observatory organized a high-level meeting with the main stakeholders of the island of Lipari. The meeting, part of the GTI Observatory process for the Green Island Member category, which Lipari is part thanks to the Aeolian Islands Preservation Fund, was hosted by the island’s municipality on April 28, 2022. A session dedicated to Lipari was followed by a national session to address incentive policies and authorization processes in Italy.

Marco Giorgianni, Mayor of Lipari introduced the meeting saying: “Decarbonization is a commitment that goes beyond the administrations’ mandates but must be sustained over time for the good of our islands, their economies, inhabitants and environment. For this reason, we have joined the GTI Observatory and established a close cooperation, including the joint application to EU tenders for innovative projects”.

Gianni Chianetta, Founder & Director of GTI said: “The GTI Observatory has the objective of carrying out a thorough analysis of problems and solutions so that Lipari can reach the highest level of sustainability attainable with the current technologies. Today in fact, there are innovative solutions that can allow islands to make remarkable progress in electric mobility, water cycle, renewables, and many other fields. We need to address problems related to know-how and policy and in this sense, Lipari can become a testbed to refine legislative instruments for all other islands.”

The meeting inspected how Lipari can achieve the sustainability objectives presented in the PAESC (Action Plan for Sustainable Energy and Climate, part of the European Community initiative called Covenant of Mayor for climate & Energy) which foresee for the entire municipality the reduction of greenhouse gas emissions by 58.8% by 2030 with a share of energy efficiency for 35% and renewable sources for 23.8%.

Particular focus was dedicated to an overview of the current status and main challenges in the water and energy sectors, two highly interconnected themes. Innovative solutions were explored and entities to be involved were identified thanks to the participation of island authorities, GTI specialists and corporate members of the Observatory Enel X, Enphos, and REair.

Renewables are of course key for the island’s decarbonization and Lipari and the other Eolian islands can count on extraordinary natural resources that make it possible to look at distributed solar PV, mini wind power systems, geothermal, and green hydrogen. According to an analysis performed by GTI reported by the GTI Energy Specialist Attilio Piattelli, installing 25MW of renewable power would be enough to cover 100% of Lipari’s energy needs. Yet efforts are necessary to raise awareness in the territory and to enhance cooperation among the entities involved.

In particular, retrofitting and extension of Lipari’s existing solar PV plant – which is obsolete and was never able to power the island’s desalination plant – was discussed in depth. A feasibility study conducted by GTI confirmed the entire new system could account for 5MW of installed power (thus 20% of the island’s energy needs), and provide clean electricity to the desalination plant, which today is powered by a dedicated diesel plant at higher economic and environmental costs.

Also, an energy community could be set up with an estimated 800kW rooftop solar on public and private buildings in Lipari alone. There are already several good practices in Italy demonstrating how to use of the State incentives: while citizens benefit from self-consumption, the municipality receives the feed in tariff and can decide how much to distribute and how much to reinvests it in the community.

Roberto Sannasardo, Energy Manager of the Sicily Region, who participated in the meeting, offered to act as a promoter for a subsequent meeting aimed at accelerating the authorization processes by Sicily Region, with particular reference to the protection of the cultural heritage to which the Aeolian archipelago is subject.

Also the Lipari Electric Company, which actively participated in the meeting, made itself available to collaborate with GTI, the Municipality of Lipari and the Sicily Region to accelerate the decarbonization process of the island.

The meeting also explored issues related to water management and quality, truly a global challenge. An improvement of Lipari’s water grid – which today has 40% losses – is highly needed, while many areas on the other islands of the archipelago are not reached by the grid at all, which poses challenges not only for inhabitants but also for agriculture. The GTI Water Specialist Emilio Gabbrielli confirmed that the latest desalination technologies, coupled with renewable systems and remineralization, are able to ensure production of freshwater of high quality.

With much-needed simplifications in the authorization procedures, a virtuous water cycle could be set up, reusing wastewater and brine (a byproduct of the desalination process) as important resources to reduce costs related to the supply of freshwater dramatically, as suggested by prof. Giorgio Micale, Engineering Department of the University of Palermo.

Luca Del Bono, Chairman of the Aeolian Islands Preservation Fund said: “The Aeolian islands are UNESCO heritage and have enormous potential to become sustainability models for the Mediterranean and for the world. Their environmental peculiarities should be more protected, making sustainability the banner of the territory”.

Obviously, islands need special attention and financing by the central governments. Thanks to the participation of the Ministry of Ecological Transition (MiTE) and the Regulatory Authority for Energy, Networks and the Environment (ARERA) in the national session of the meeting, the Italian “Minor Islands” Decree was discussed, including ways to improve it now that it is going to be refined for the next 5 years, and disseminate it abroad.

The decree foresees an innovative financing tool for non-interconnected islands that foresees a tariff to promote the deployment of renewable systems. The tariff is calculated on the basis of the economic savings resulting from a reduced necessity of diesel provision. Among the other suggestions to make the instrument more effective, the GTI Observatory advised the government authorities to adjust the tariffs to make investments more convenient, include energy storage systems in the incentives, and reduce the authorization barriers. If improved, the instrument could really become a great asset to be disseminated in all islands for their sustainable transition, and Italy could play a protagonist role.

Furthermore, Chianetta and Giorgianni together made an appeal to promote public-private partnerships also through public funds linked to the National Recovery and Resilience Plan, part of the Next Generation EU (NGEU) program.

Andrea Galliani, Deputy Director of Wholesale Markets and Environmental Sustainability Department, ARERA, and Daniele Novelli, Member of Technical Secretariat of the Directorate General for Procurement, Energy Efficiency and Competitiveness, Electrical and Thermal Renewables Area, MiTE took part in the session to hear feedback from GTI, Lipari and the National Union of Minor Electricity Companies (UNIEM), also connected to the meeting, and discuss solutions to speed up projects origination on the islands.

Christian Del Bono, President Federalberghi Sicily Minor Islands said: “Thanks to the GTI Observatory, the municipality of Lipari becomes part of a network of islands committed to sustainability, from which we hope that cooperation between islands on sustainable tourism at international level will arise, starting with those of the Mediterranean”.

“It was an operational meeting that saw a concrete dialogue between the entities involved on the island and the creation of a committee that will carry out the solutions that have been identified during the meeting. We intend to study the applicability of these solutions also in the other islands of the Aeolian archipelago and on the other Sicilian minor islands”, concluded Gianni Chianetta.

The next GTI Observatory meeting will be held in Gozo, Malta, at the end of May 2022, bringing together key Maltese stakeholders and authorities, as well as leading international institutions and innovators to explore solutions in support of Gozo’s strategy for sustainable transition, as a pilot for the decarbonization of the entire island state.

___________________________________________

 

Greening the Islands e Lipari avviano percorso per sbloccare progetti sostenibili, invitando le autorità a semplificare le procedure autorizzative

Ministero della Transizione Ecologica e l’Autorità per l’Energia partecipano al meeting dell’Osservatorio GTI

L’Osservatorio GTI ha organizzato un incontro ad alto livello con i principali stakeholders dell’isola di Lipari. L’incontro, parte del processo dell’Osservatorio GTI per la categoria Green Island Member, di cui Lipari fa parte grazie a Aeolian Islands Preservation Fund, è stato ospitato dal comune dell’isola il 28 aprile 2022. Alla sessione dedicata a Lipari è seguita una sessione nazionale per affrontare le politiche di incentivazione e i processi autorizzativi in ​​Italia.

Marco Giorgianni, Sindaco di Lipari, ha introdotto l’incontro affermando: “La decarbonizzazione è un impegno che va oltre i mandati delle amministrazioni ma deve essere sostenuto nel tempo per il bene delle nostre isole, delle loro economie, degli abitanti e dell’ambiente. Per questo abbiamo aderito all’Osservatorio GTI e stabilito una stretta collaborazione, che include la candidatura congiunta ai bandi europei per progetti innovativi”.

Gianni Chianetta, Fondatore e Direttore di GTI ha dichiarato: “L’Osservatorio GTI ha l’obiettivo di svolgere un’analisi approfondita dei problemi e delle soluzioni affinché Lipari possa ottenere il massimo livello di sostenibilità raggiungibile con le attuali tecnologie. Oggi, infatti, esistono soluzioni innovative che possono consentire alle isole di fare notevoli progressi nella mobilità elettrica, nel ciclo dell’acqua, nelle energie rinnovabili e in molti altri campi. Dobbiamo affrontare problemi legati al know-how e alla politica e in questo senso Lipari può diventare un banco di prova per affinare gli strumenti legislativi per tutte le altre isole”.

Si è discusso di come Lipari possa raggiungere gli obiettivi di sostenibilità presentati nel PAESC (Piano di Azione per l’Energia Sostenibile ed il Clima, parte dell’iniziativa della Comunità Europea denominata Covenant of Mayor for climate & Energy) che prevedono per l’intera municipalità la riduzione delle emissioni di gas serra del 58,8% entro il 2030 con quota parte di efficientamento energetico per il 35% e di fonti rinnovabili per il 23.8%.

Particolare attenzione è stata dedicata ad una panoramica della situazione attuale dell’isola e delle principali sfide nel settore idrico ed in quello energetico, fortemente interconnessi. Sono state esplorate soluzioni innovative e identificati gli enti da coinvolgere grazie al coinvolgimento delle autorità isolane, degli specialisti di GTI e dei membri corporate dell’Osservatorio Enel X, Enphos e REair.

Le rinnovabili sono fondamentali per la decarbonizzazione dell’isola e Lipari, così come le altre isole Eolie, può contare su straordinarie risorse naturali che consentono di guardare al solare fotovoltaico distribuito, ai sistemi minieolici, alla geotermia e all’idrogeno verde. Secondo un’analisi svolta da GTI riportata dallo Specialista GTI per l’energia Attilio Piattelli, l’installazione di 25 MW di energia rinnovabile sarebbe sufficiente per coprire il 100% del fabbisogno energetico di Lipari. Eppure sono necessari sforzi per sensibilizzare il territorio e rafforzare la cooperazione tra gli enti coinvolti.

È stato approfondito in particolare l’ammodernamento e l’ampliamento dell’impianto solare fotovoltaico esistente a Lipari, oggi obsoleto, che non ha mai alimentato l’impianto di dissalazione dell’isola. Uno studio di fattibilità condotto da GTI ha confermato che l’intero nuovo sistema potrebbe rappresentare 5 MW di potenza installata (quindi il 20% del fabbisogno energetico dell’isola) e rifornire con energia pulita l’impianto di desalinizzazione, che oggi è alimentato da un impianto diesel dedicato, più costoso in termini economici ed ambientali.

Inoltre, nella sola Lipari, potrebbe essere creata una comunità energetica con 800 kW di energia solare stimata sui tetti di edifici pubblici e privati. Esistono già diverse buone pratiche in Italia che dimostrano come utilizzare gli incentivi statali: i cittadini beneficiano dell’autoconsumo e il comune riceve la tariffa feed in e può decidere quanto distribuire e quanto reinvestire nella collettività.

Roberto Sannasardo, Energy Manager della Regione Sicilia, che ha partecipato all’incontro, si è offerto di fare da promotore per un successivo incontro volto ad accelerare l’iter autorizzativo da parte della Regione Sicilia, con particolare riferimento alla tutela del patrimonio culturale cui l’arcipelago delle Eolie è soggetto.

Anche la Società Elettrica Liparese, che ha partecipato attivamente all’incontro, si è resa disponibile a collaborare con GTI, municipalità di Lipari e Regione Sicilia per accelerare il processo decarbonizzazione dell’isola.

L’incontro ha affrontato le questioni relative alla gestione e alla qualità dell’acqua, una vera sfida globale. Un miglioramento della rete idrica di Lipari – che oggi ha perdite del 40% – è estremamente necessario, dato che molte aree delle altre isole dell’arcipelago non sono raggiunte dalla rete, e questo pone delle sfide non solo agli abitanti ma anche all’agricoltura. Lo Specialista GTI per l’acqua Emilio Gabbrielli ha confermato che le più recenti tecnologie di dissalazione, abbinate a sistemi rinnovabili e di remineralizzazione, sono in grado di garantire una produzione di acqua dolce di alta qualità.

Con le necessarie semplificazioni nelle procedure autorizzative sarebbe possibile impostare un circolo virtuoso dell’acqua, riutilizzando le acque reflue e la salamoia (sottoprodotto del processo di desalinizzazione) come risorse importanti per ridurre drasticamente i costi legati all’approvvigionamento di acqua dolce, come suggerito dal prof. Giorgio Micale del Dipartimento di Ingegneria dell’Università degli Studi di Palermo.

Luca Del Bono, Presidente del Fondo per la Conservazione delle Isole Eolie ha dichiarato: “Le Isole Eolie sono patrimonio dell’UNESCO e hanno un enorme potenziale per diventare modelli di sostenibilità per il Mediterraneo e per il mondo. Le loro peculiarità ambientali andrebbero maggiormente tutelate, facendo della sostenibilità la bandiera del territorio”.

Chiaramente le isole necessitano di attenzioni e finanziamenti speciali da parte dei governi centrali. Grazie alla partecipazione del Ministero della Transizione Ecologica (MiTE) e dell’Autorità per l’Energia, le Reti e l’Ambiente (ARERA) alla sessione nazionale del convegno, si è discusso del Decreto “Isole Minori” italiane, e dei miglioramenti che si possono apportare in vista della sua imminente revisione per i prossimi 5 anni e della sua diffusione all’estero.

Il decreto prevede uno strumento di finanziamento innovativo per le isole non interconnesse che prevede una tariffa per favorire la diffusione di sistemi rinnovabili. La tariffa è calcolata sulla base del risparmio economico derivante da una ridotta necessità di approvvigionamento di gasolio. Tra gli altri suggerimenti per rendere più efficace lo strumento, l’Osservatorio GTI ha consigliato alle autorità di governo di adeguare le tariffe per rendere più convenienti gli investimenti, includere i sistemi di accumulo di energia negli incentivi e ridurre le barriere autorizzative. Se migliorato, lo strumento potrebbe diventare davvero un grande asset da diffondere in tutte le isole per la loro transizione sostenibile, e l’Italia potrebbe giocare un ruolo da protagonista.

Chianetta e Giorgianni, inoltre, hanno lanciato un appello volto a promuovere i partenariati pubblico-privati anche attraverso i fondi pubblici legati al Piano nazionale per la ripresa e la resilienza, nell’ambito del programma Next Generation EU (NGEU).

Andrea Galliani, Vicedirettore del dipartimento mercati all’ingrosso e sostenibilità ambientale di ARERA, e Daniele Novelli, Membro della Segreteria Tecnica della Direzione Generale Acquisti, Efficienza e Competitività Energetica, Area Rinnovabili Elettriche e Termiche del MiTE, hanno partecipato alla sessione per ascoltare il feedback di GTI, Lipari ed anche dell’Unione Nazionale Imprese Elettriche Minori (UNIEM), presente in collegamento, ed esplorato soluzioni per accelerare l’implementazione dei progetti sulle isole.

Christian Del Bono, presidente di Federalberghi Isole minori della Sicilia ha dichiarato: “Grazie all’Osservatorio GTI, il comune di Lipari entra a far parte di una rete di isole impegnate per la sostenibilità, da cui auspichiamo che nasca una cooperazione tra le isole sul turismo sostenibile a livello internazionale, a cominciare da quelle del Mediterraneo”.

“Si è trattato di un incontro operativo che ha visto un dialogo concreto tra gli enti coinvolti nell’isola e la nascita di un comitato che porterà avanti le soluzioni che sono state identificate durante l’incontro. Ci proponiamo di studiare l’applicabilità di tali soluzioni anche nelle altre isole dell’arcipelago Eoliano e sulle altre isole minori siciliane”, ha concluso Gianni Chianetta.

Il prossimo incontro dell’Osservatorio GTI si terrà a Gozo, Malta, alla fine del mese di Maggio 2022, riunendo I principali stakeholders e autorità maltesi, nonché le principali istituzioni e innovatori internazionali per esplorare soluzioni a sostegno della strategia di Gozo per la transizione sostenibile, come pilota per la decarbonizzazione dell’intera isola Stato.

We take processes apart, rethink, rebuild, and deliver them back working smarter than ever before.